L' Aquila

banner cradle

L'Aquila Stemma

L' Aquila (precedentemente Aquila fino al 1863 e Aquila degli Abruzzi fino al 1939) è un comune italiano di 69 362 abitanti[1], capoluogo dell'omonima provincia e della regione Abruzzo. La città si trova nell'entroterra abruzzese sul declivio di un colle alla sinistra del fiume Aterno, in posizione predominante rispetto al massiccio del Gran Sasso, l'omonima conca e la valle dell'Aterno, su una superficie di 467 km² che ne fanno il nono comune più esteso d'Italia[4]. Suddivisa in 59 tra quartieri e frazioni, parte del suo territorio è compreso nel parco nazionale del Gran Sasso. L'Aquila ha antiche origini sabino-vestine nei nuclei di Amiternum e Forcona. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, intorno alla conca aquilana si formarono piccoli agglomerati urbani, detti castelli, che decisero la fondazione della nuova città nel 1254, secondo la leggenda, mentre secondo altri sarebbe nata intorno al 1230 col patrocinio di Federico II di Svevia, e distrutta una prima volta nel 1259 da Manfredi di Sicilia. La città ebbe notevole sviluppo nel Medioevo, sotto il controllo della famigliaCamponeschi, e nel 1424 riuscì a resistere all'assedio di Braccio da Montone essendosi schierata contro Napoli per la sua fedeltàangioina. Durante l'epoca del feudalesimo dal medioevo al 1806 la città vantava una economia propria di pastorizia, artigianato eoreficeria, ed era stazione di passaggio durante la transumanza, con il Regio tratturo L'Aquila-Foggia, percorso da pastori e pellegrini religiosi. Sotto il dominio absburgico nei secoli XVI-XVII visse un periodo altalenante di crescita economica, fino alla decadenza, profondamente segnata dal terremoto del 1703. Conobbe nuovamente uno sviluppo economico e culturale soltanto nell'Ottocento. L'Aquila vanta un patrimonio storico secolare molto variegato e originale, nonostante i forti terremoti del 1461, 1703 e 2009, mostrando uno strato medievale presente soprattutto attraverso le Mura Urbiche, rinascimentale per quanto riguarda i palazzi e alcune chiese, e infine il barocco e il neoclassico. L'asse urbano è suddiviso in quattro rioni o Quarti, ognuno dei quali rappresentato da una chiesa capoquarto. Tra i monumenti più famosi spiccano appunto le già citate basiliche di San Bernardino e Collemaggio (quest'ultima considerata il capolavoro del gotico abruzzese oltre che il simbolo della città; ma anche le fontane medievali, tra le quali la fonte delle 99 cannelle, le mura urbiche con le porte di accesso, i palazzi gentilizi settecenteschi del corso Vittorio Emanuele, la Piazza Duomo e specialmente il Forte spagnolo.

 

 

 

Attività:
Visita borgo (Basilica di Collemaggio, Fontana 99 cannelle, Anfiteatro romano, Basilica di san Bernardino, Basilica di san Giuseppe artigiano)
 gratuito
Visita castello (solo esterno causa inagibilità sisma)  gratuito
Visita al museo Munda
 € 2,00

 

Scheda "ABITARE I LUOGHI" clicca QUI
Scheda per DIRIGENTE SCOLASTICO clicca QUI

SCHEDA ADESIONE

 

Calcola il percorso per arrivare sino a L'Aquila, clicca su "altre opzioni", verrai indirizzato alla mappa dove poter inserire il punto di partenza.